GazzettaEconomica
Iscriviti alla newsletter
Visualizza in formato pdf  Visualizza in formato pdf

SUL SITO WWW.POSTEVITA.IT, LA PRIMA AREA ON LINE DEDICATA AI CLIENTI

Novità per le compagnie assicurative di Poste Italiane: il Gruppo Assicurativo Poste Vita è la prima compagnia non diretta, che realizza uno spazio tutto dedicato alla clientela vita e danni, offrendo un’area on line per la completa gestione dei contratti.

 

Dal sito www.postevita.it, nell’Area Riservata ai clienti Poste Vita e Poste Assicura, sarà possibile, in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo, controllare versamenti e rivalutazioni, verificare le garanzie attive e i capitali assicurati, consultare lo stato delle proprie liquidazioni. Inoltre, saranno visionabili in formato pdf, le copie delle lettere di offerte e informazioni inviate da Poste Vita.

Tutte le operazioni che fino a oggi sono avvenute attraverso tempi e canali tradizionali potranno, dunque, essere effettuate in tempo reale, in piena comodità e senza costi aggiuntivi: un vero e proprio traguardo competitivo sul mercato in termini di trasparenza qualità e innovazione.


20/11/2014   CRISI RUSSA: L'IMPORT DI CARNE ITALIANA SCESO DA 56,9 A 9,7 MILIONI

18/11/2014   LA SPESA VOLA SOLO SUL WEB

10/10/2014   IL DIVARIO PRODUTTIVO ITALIA-GERMANIA DIPENDE DALL’ECCESSIVA PRESENZA DI MICRO-IMPRESE

15/04/2014   FATTURAZIONE ELETTRONICA - CCIAA BARI

15/04/2014   INFLAZIONE CIA

15/04/2014   PASQUA, CIA: ACQUISTI IN CALO

04/04/2014   PMI: NASCE LA CONSULENZA ONLINE

04/04/2014   CONVEGNO COFIDI CON BANCA D'ITALIA.

LAVORO: GLI OCCUPATI CRESCONO IL TRIPLO IN AGRICOLTURA
DOPO LE "QUOTE LATTE" SI PUNTI SU SISTEMA AUTOREGOLAMENTATO
LAVORO: +14% UNDER 35 ASSUNTI IN AGRICOLTURA NEL 2014
EIMA M.I.A.: MACCHINE PER CONTRASTARE IL DISSESTO IDROGEOLOGICO
IGiornali Android IGiornali iPhone/iPad Default IGiornali
SCOPERTA LA CAUSA DEL PARKINSON GIOVANILE
CAMPAGNA OLEIFERA DIFFICILE, PRODUZIONE STIMATA IN CALO ANCHE DEL 40%
MANI IN PASTA PER 2 ITALIANI SU 3
CRISI RUSSA: L'IMPORT DI CARNE ITALIANA SCESO DA 56,9 A 9,7 MILIONI